email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Marcin Krzyształowicz • Regista di Mister T.

"Chi non vorrebbe essere un anarchico?"

di 

- Cineuropa ha parlato con Marcin Krzyształowicz, regista di Mister T., già oggetto di alcune polemiche nel suo paese d'origine, la Polonia, e pronto per uscire nelle sale locali il giorno di Natale

Marcin Krzyształowicz • Regista di Mister T.

Già oggetto di polemiche in Polonia – con i giornalisti locali a caccia di somiglianze con Diary 1954 di Leopold Tyrmand, uno degli scrittori più iconici del dopoguerra polacco – il dramma di finzione (o commedia?) di Marcin Krzyształowicz Mister T. [+leggi anche:
recensione
intervista: Marcin Krzyształowicz
scheda film
]
si immerge nel mondo in bianco e nero di uno scrittore in difficoltà negli anni '50 (Paweł Wilczak), diviso tra il sistema oppressivo di cui ha bisogno per rimanere a galla e la sua immaginazione selvaggia. Kino Świat distribuirà il film localmente il giorno di Natale, e ne abbiamo discusso con il suo regista.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Qual è la sua opinione sulle accese reazioni che il film sembra già provocare in Polonia, o piuttosto sulle affermazioni secondo cui in realtà descrive la vita di Leopold Tyrmand?
Marcin Krzyształowicz:
La risposta a questa domanda è difficile, perché il film non è ancora uscito in sala. L'unica cosa su cui posso commentare è una certa confusione, che, una volta condivisa la nostra esperienza legale con i giornalisti che ci accusavano, è improvvisamente svanita. Non abbiamo usato affatto il lavoro di Tyrmand nel film, quindi dal punto di vista della legge, o del modo in cui funziona in Polonia, la situazione è chiara. Il mio unico rimpianto è che queste persone abbiano affermato qualcosa senza prima documentarlo adeguatamente, senza nemmeno leggere il suo Diary 1954! Dicevano di aver "consultato esperti". A me sembra ridicolo.

Le storie liberamente ispirate a persone reali non sono poi così rare. È rimasto sorpreso quando, all'improvviso, tutti volevano sapere cosa era vero nel film e cosa no?
Penso che abbiamo toccato un nervo scoperto qui. Questa è la curiosità, direi, un po’ malsana. Cosa deriverebbe da una risposta precisa su chi è nascosto dietro la lettera T. del titolo? Provocherebbe qualche emozione, avrebbe qualche riflesso di natura intellettuale? Io non credo. E non puoi davvero rispondere a questa domanda, anche se continua a presentarsi. È qualcosa di cui personalmente mi pento, perché speravo – e lo faccio ancora – che questo film evocasse qualcosa di più del semplice gossip. Quando lo abbiamo mostrato all'estero, o anche al pubblico internazionale al Camerimage Film Festival, a nessuno importava – per loro, si trattava di una lotta intellettuale contro il sistema. Lo hanno visto come un film anarchico, il che mi piace, credo. Chi non vorrebbe essere un anarchico?

Un approccio simile rende sicuramente questa storia più universale.
Ognuno può adattare la propria realtà ad essa, da qui l'opinione che sia un po' anti-Trump. In realtà è molto semplice: Mister T. è una storia su come il mondo esterno non ti lascia essere quello che sei. Certo, esiste anche un contesto locale, poiché per gli spettatori polacchi "Zbysiu" probabilmente ricorderà [l'acclamato poeta] Zbigniew Herbert. Ma per chiunque altro, è solo un amico del personaggio principale. Penso che abbiamo superato la prova dell'universalità e che tutti possano riconoscere l’atmosfera kafkiana di questa storia, anche se all'inizio può sembrare piuttosto ermetica.

Negli ultimi anni, i film in bianco e nero sono diventati un fenomeno abbastanza comune. Ma in Mister T., quella che sembra una trama “rispettabile” si trasforma presto in fantasia. Mostra due mondi diversi qui!
Tutti ci chiedevano della fotografia in bianco e nero, fin dall'inizio. Non volevo che fosse triste o che diventasse gravoso per lo spettatore. È buffo, perché attraverso questo mondo in bianco e nero volevo davvero scoprire diverse sfumature o persino colori! E tornando alla domanda su questo doppio mondo, sapevamo che la storia si sarebbe svolta su due livelli diversi: c'è questa realtà che lo circonda e poi il mondo della sua immaginazione, dove osa opporsi al sistema. Non volevo che lo spettatore lo decifrasse dall'inizio, quindi ti rendi conto che non è reale solo dopo che ci sei entrato, che hai abbracciato questo universo. In superficie, il nostro protagonista è costretto a partecipare a varie situazioni assurde ma sotto, un gruppo di cospiratori sta già attuando il suo piano esplosivo. Per alcuni, Mister T. è un dramma, per altri una commedia. O semplicemente una specie di strano ibrido, perché in un certo senso anche ciò che accade sotto la superficie è reale –è ciò che l'artista immagina, ciò che costituisce il materiale del suo futuro libro.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche