email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LES ARCS 2019

Nathalie Biancheri • Regista di Nocturnal

"Fare questo film è stato un infarto continuo"

di 

- Cineuropa ha sfidato la neve per parlare con la regista Nathalie Biancheri di Nocturnal al Festival di Les Arcs

Nathalie Biancheri • Regista di Nocturnal
(© Romuald Maginot / Les Arcs Film Festival)

Presentato al Festival di Les Arcs nella sezione Hauteur, il film d'esordio di Nathalie Biancheri Nocturnal [+leggi anche:
recensione
intervista: Nathalie Biancheri
scheda film
]
ruota attorno a una strana connessione che si stabilisce tra un'adolescente (Lauren Coe) e un uomo molto più grande (Cosmo Jarvis) che nasconde un segreto che non sa come svelare.

Cineuropa: La relazione che mostra nel film non è esattamente ovvia. Senza rovinare nulla, fino a un certo punto, lo spettatore non ha idea di cosa stia succedendo.
Nathalie Biancheri:
Inizialmente, il mistero di loro due veniva mantenuto per molto più tempo. Ho iniziato a pensare: cosa c'è in Pete che gli rende impossibile condividere il suo segreto? Ho deciso di intervistare persone in situazioni simili e questo ha davvero rimodellato la sceneggiatura. Era importante mantenere questa tensione in modo che gli spettatori potessero fare le loro supposizioni, anche su ciò che quest'uomo vuole davvero. Quindi, quando lo scopri, puoi rivisitare la parte iniziale. Non volevo "ingannare" il pubblico per 70 minuti, sarebbe stancante e inutile, ma questa domanda sul perché non può aprirsi è probabilmente la più interessante per me.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Un uomo così forte ma sensibile con un background operaio mi ha fatto pensare al cinema britannico degli anni '60. Come l'aveva concepito inizialmente?
Ho sempre pensato che fosse molto vulnerabile. Pete non ha davvero avuto l'opportunità di scegliere, così ha mandato tutto all’aria ed è rimasto in questo limbo adolescenziale. Ma non avevo mai immaginato che sarebbe stato così evidente sullo schermo. Quando ho ingaggiato Cosmo, stava tendendo davvero a questa vulnerabilità e non volevo rivelare immediatamente la sua posizione. Quando ha cominciato a interpretare Pete, ho iniziato a vedere l'altro lato di quell’uomo. Viene fuori come un uccello spezzato, così duro eppure così fragile. Penso davvero che abbia "sentito" questo personaggio. È una cosa così bella, quando dopo aver inserito tutto questo lavoro in un progetto, qualcosa ti sorprende ancora sul set.

Perché li ha voluti mostrare mentre interagiscono principalmente di notte?
Quando ho ricevuto per la prima volta la sceneggiatura, si chiamava Nocturnal e adoravo quel titolo. Mi ha fatto pensare a un certo umore o atmosfera della notte. Nel Regno Unito, vai spesso in piccole città costiere ed è quello il momento in cui si trasformano. Tutte queste piccole luci si accendono, c'è nebbia. Per me è stato un grande riferimento: questa dualità. Laurie va ancora a scuola, quindi aveva senso che si incontrassero sul tardi, con la notte a proteggerli. Anche se, nella prima parte, quando non sai ancora cosa sta succedendo, ti dici: "Perché sali in macchina di notte?!". Da un punto di vista pratico, non c'era davvero bisogno di quella protezione, ma era importante in qualche modo. A volte la minima cosa può determinare l'intero aspetto del film.

Avendo fatto il passaggio alla fiction con questo film, quale direbbe che è stata la cosa più interessante di questo cambiamento?
Le circostanze per realizzare questo film sono state piuttosto folli, dato che nulla era pronto quando abbiamo ottenuto il via libera. Non ero mai stata nello Yorkshire! È stato un infarto continuo. Abbiamo girato in 17 giorni, senza prove. Quando giravo documentari, avevo sempre più tempo e spazio. L'idea di Nocturnal era molto precisa, ma tutto era un ostacolo a un livello estremo. È stato un battesimo di fuoco. Ma alla fine, non mi ha scoraggiato – sto per girare il mio prossimo film ad aprile.
Essere così a corto di tempo va contro l'idea stessa del cinema. Fortunatamente, ho ingaggiato Lauren in anticipo, quindi abbiamo avuto un po' di tempo per parlare. Ma con Cosmo, in parte a causa dei suoi impegni, è stato estremamente complicato. Abbiamo avuto un rapporto piuttosto conflittuale, molto esuberante, ma penso che abbia visto quanto io fossi dedicata e io ho sicuramente visto la sua passione. Ho bloccato l'intero film con il mio direttore della fotografia prima che arrivassero, come in teatro, ma entro questi limiti in realtà hanno avuto molta libertà.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy