email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SIVIGLIA 2019

Oskar Alegría • Regista di Zumiriki

"Mi interessava mantenere ciò che ci resta della nostra eredità indigena"

di 

- Col suo secondo film, Zumiriki, presentato in anteprima a Venezia, il regista navarrese Oskar Alegría sta girando il mondo, saltando da un festival all'altro, e ora arriva a Siviglia

Oskar Alegría  • Regista di Zumiriki
(© Lolo Vasco/Festival de Sevilla)

Oskar Alegría (Pamplona, ​​1973), che è stato direttore artistico del festival Punto de Vista per quattro anni (leggi la news), sta girando il mondo con il suo secondo lungometraggio, Zumiriki [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Oskar Alegría
scheda film
]
, scritto, diretto, montato e girato da lui stesso. Abbiamo parlato con il regista durante il Festival del Cinema Europeo di Siviglia nella cui sezione Las Nuevas Olas No Ficción brilla questa affascinante proposta artistica.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come sta andando questo giro dei festival e in che modo il film cattura le diverse sensibilità del mondo?
Óskar Alegría:
Il mio primo film aveva un'universalità più chiara, poiché mi appoggiavo a Man Ray, un artista molto noto. In questo mi affido a una storia molto personale e, tra il serio e il faceto, ad alcuni film realizzati da mio padre, Jesús Alegría. Mi sorprende che il film sia stato selezionato al festival di Venezia o in Cina, dove andrò il mese prossimo e da dove mi scrivono parlando della poetica che hanno visto in esso: io stesso mi chiedo che tipo di poetica abbia. Con Zumiriki sto raggiungendo luoghi che non avevo raggiunto prima e mi sorprende ancor di più perché è una storia chiusa e locale, ma questo è un pregiudizio che abbiamo: pensiamo di raccontare qualcosa di piccolo e vicino ma alla fine tutti i fiumi sono collegati, e una bottiglia che getti nel fiume da casa tua può finire nella laguna di Venezia o su un'isola in Cina.

La casa che abita nella foresta durante le riprese di Zumiriki è quasi come quella dell'albero che volevamo avere da bambini, da dove sognare ogni tipo di avventura.
Sì, il film rende omaggio al primo gesto di disobbedienza che tutti abbiamo fatto: arrampicarci su un albero. La prima esperienza di libertà, lasciando la terra e mettendoci all’altezza di un uccello. È molto bello. E il cinema ti permette la magia di tornare a quel momento in cui eri felice, quindi è un'arma meravigliosamente potente per vivere due volte.

Imitando suo padre, nel film cerca lo sguardo limpido che lui aveva...
Alla base della pellicola c'è un viaggio verso uno sguardo più puro. Mio padre ce l'aveva, è qualcosa di invidiabile, ma non possiamo arrivarci, perché siamo già molto viziati. Ho visto che il suo modo di girare era molto primitivo: non ha visto i film che ho visto io.

C'è anche un tentativo, nel film, di afferrare il tempo e recuperare la memoria, qualcosa che il cinema riesce a fare.
Penso che sia un film di esperienza, di vivere quattro mesi di fila da solo in una foresta, dove ho sentito di essere l'unico abitante in quell'angolo, qualcosa di molto potente, perché lì il tempo è legato allo spazio e tu controlli ogni cambiamento, movimento e ramo, come fanno gli animali. Lì il tempo è sempre un inizio. Nel film si cerca di trascorrere di nuovo l'ultima notte della nostra ultima estate, in modo che tutto sia un inizio.

Inoltre, a parte la sua bellezza, Zumiriki è un'esaltazione della natura, con i suoi riti e le sue leggende.
Sebbene ci sia una generazione di asfalto sopra, abbiamo la fortuna di avere un passato rurale. Mi interessava mantenere ciò che ci resta della nostra eredità indigena: andavo in quella zona delle riprese molte volte da bambino e mio padre non guardava l'orologio, perché controllava il tempo con la luce, il vento o le piante. Nel film c'è molto di quel rituale e di quella mitologia.

Parla anche di parole che si perdono quando le generazioni scompaiono.
I nostri genitori e nonni sono dizionari ambulanti. È un peccato che quelle parole vadano perse, perché penso che se la parola scompare, anche l'oggetto che rappresenta se ne va. È importante, almeno, conservare una di quelle parole.

Mi ha sorpreso l'umorismo contenuto in Zumiriki...
Perché nel naufragio devi cantare: non bisogna essere seri e piangere. In questa mia esperienza, in stile Robinson Crusoe, ho fatto battute nella foresta, perché è un modo per sopravvivere alla sfida di un paesaggio, al funerale della tua infanzia. C'è anche qualcosa relazionato al bambino che ero: continuiamo a giocare in questo posto dove abbiamo giocato molto tempo fa.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche