email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Mary Jimenez, Bénédicte Liénard • Registe di By the Name of Tania

"Il film nasce dal nostro rapporto con la realtà e prende la sua forma"

di 

- Incontro con Mary Jimenez e Bénédicte Liénard, autrici e registe di By the Name of Tania, che esce mercoledì in Belgio

Mary Jimenez, Bénédicte Liénard • Registe di By the Name of Tania

Dopo Le Chant des hommes [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Sobre las brasas [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Mary Jimenez e Bénédicte Liénard firmano By the Name of Tania [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Mary Jimenez, Bénédicte Li…
scheda film
]
, film ibrido e inclassificabile che esce questo mercoledì in Belgio con MOOOV. Le due registe ne parlano con noi.

Cineuropa: Come è nato questo progetto?
Bénédicte Liénard:
Abbiamo incontrato un ex cercatore d'oro in Perù. All'età di 15 anni, era prigioniero e una mattina si disse: "Se non me ne vado oggi, sono morto". Aveva incontrato in un bordello una donna di cui si era innamorato, ed era andato a cercarla per scappare, ma lei aveva rifiutato perché aveva un debito sulle spalle.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Siamo rimaste molto colpite da questa storia e siamo andate nelle zone aurifere, dove abbiamo incontrato molte donne nei bordelli della regione.

Abbiamo sentito parlare di un agente di polizia noto per essere riuscito a salvare ragazze minorenni dalla prostituzione. Lo abbiamo incontrato, siamo riuscite a instaurare con lui un rapporto di fiducia e, dopo una settimana, ci ha regalato un tesoro, una chiavetta USB con tutte le deposizioni delle ragazze che era riuscito a recuperare.

Eravamo lì al centro dello sfruttamento, del processo che trasforma le bambine in schiave. Abbiamo deciso, partendo da queste storie, di raccontarne una. È così che è apparsa Tania.

Tania è quindi un personaggio composito che incarna queste donne senza voci né volti?
Mary Jimenez:
È un personaggio immaginario che segue in modo molto strutturato attraverso il nostro racconto questo processo di creazione di una schiava. Bisogno di soldi, esilio, allontanamento dai parenti, confisca dei documenti d'identità, prostituzione, debito impossibile da ripagare... Ma come arricchire questo personaggio, questa tela?

Abbiamo fatto molti casting. In particolare, siamo andate in un centro di accoglienza per ragazze adolescenti, la maggior parte delle quali sono state vittime di violenza sessuale. Alcune di queste ragazze venivano per sedurci. Non Lydia. Era stata violentata dal suo patrigno e aveva una grande dignità. Questo la rendeva molto interessante, il lato oscuro del suo passato poteva essere visto nei suoi occhi.

Lei stessa era ben consapevole che, incarnando questo ruolo, lo faceva in nome di tutte le altre. Non aveva una vocazione d’attrice, si è lasciata coinvolgere come soggetto che voleva difendere una causa. Per noi era una configurazione di lavoro molto interessante. In effetti, è più vero del vero. Un'attrice non avrebbe mai potuto interpretare il ruolo in quel modo.

Ci piace molto lavorare senza sapere. È l'opposto di un film che ha una sceneggiatura e un taglio preciso, dove le riprese consistono nel fare ciò che è stato deciso sulla carta. Noi facciamo una ricerca approfondita, che utilizza gli strumenti della finzione, ma ci piace non sapere. Creiamo situazioni e le lasciamo sviluppare.

Il film supera i confini tra documentario e finzione.
M. J.:
Iniziamo a fare un film dalla sua radice. Da questa radice nasce un albero, completamente sconosciuto, che non rientra nelle norme. Ci poniamo la questione in modo diverso. Non ci chiediamo se realizzeremo una fiction o un documentario.

Il film nasce dal nostro rapporto con la realtà, dai nostri incontri, e prende una sua forma. L'unica domanda che alla fine ci poniamo è: a chi chiederemo i soldi? È lì che sono i confini!

B. L.: By the Name of Tania ci ha permesso di trovare una formula narrativa che ci interessi. Come dice spesso Mary, questo non è un film di Bénédicte e Mary, ma di una terza entità nata dal loro incontro, a cui possiamo associare la nostra direttrice della fotografia, Virginie Surdej. Infine, c'è qualcosa a livello di linguaggio che si è aperto per noi in questa creazione comune.

Abbiamo trovato una strada di cinema che ci appartiene e in cui ci sentiamo libere e belle. L'industria mi ha danneggiato molto. Bisogna rientrare in caselle e parametri che non sono affatto cinematografici. In pratica, trovo che la finzione sia a un’impasse, non dà più ai registi lo spazio per trasformare le riprese in una vera creazione. Il cinema non è una questione di sceneggiatura, è una questione di essere nel mondo in un dato momento.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy