email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIÁN 2019 Concorso

Belén Funes • Regista di La hija de un ladrón

"Fare un film è improvvisare"

di 

- La debuttante nel lungometraggio Belén Funes concorre per la Concha de Oro di San Sebastián con La hija de un ladrón, un dramma incentrato su una giovane madre con un grave conflitto familiare

Belén Funes  • Regista di La hija de un ladrón
(© Lorenzo Pascasio)

Belén Funes (Barcellona, 1984) ha avuto Isabel Coixet come madrina del suo primo cortometraggio, Sara a la fuga, girato nel 2015 e candidato al Goya nella sua categoria quell'anno. Due anni dopo ha girato La inútil. Ora ha debuttato con il suo primo lungometraggio, La hija de un ladrón [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Belén Funes
scheda film
]
, nella sezione ufficiale del 67° Festival Internazionale del Cinema di San Sebastián, posizionandosi con forza tra i nomi papabili per il suo palmarés.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: C'erano molte aspettative nei confronti del suo film che è passato, ad esempio, per Abycine Lanza (leggi qui) durante la sua post-produzione...
Belén Funes: Credo che le opere prime attirino molta attenzione. Sempre. A me succede: sto molto attenta alle persone che realizzano il loro primo film. Ho studiato sceneggiatura a San Antonio de los Baños (Cuba) e regia all'ESCAC. Quindi, per un certo periodo ho lavorato come assistente alla regia e mi sono dimenticata di dirigere, perché non ero motivata e mi sentivo insicura, quindi sono entrata nella macchina dell’industria. È stato difficile per me fermarmi e decidere di fare le mie cose, in realtà.

Come è avvenuto questo cambiamento di rotta quindi?
Era un periodo in cui avevo scarsa autostima e andavo a lavorare pensando che dirigere non fosse per me, non mi interessava e non volevo farlo; avevo deciso di guadagnarmi da vivere come tecnica. Ma sono rimasta senza lavoro e, per non stare a casa, ho iniziato a girare cortometraggi. Le protagoniste sono sempre ragazze e c'è molto di me.

Quali maestri del cinema le piacciono?
Ora sono molto interessata a come devi fare un film in modo che diventi come vuoi che sia: Éric Rohmer, i fratelli Dardenne... A volte l'iper professionalizzazione non mi interessa perché può mangiarsi il film che stai facendo: ha solo svantaggi, perché tutti sanno essere molto bravi al loro posto, ma fare un film è improvvisare in qualche modo. Nel cinema, i processi di produzione sono sempre mastodontici, perché hai bisogno di molti soldi, non è come dipingere un quadro, quindi sento che il film debba essere protetto da tutto questo e alla fine decido qual è il modo migliore per farlo in modo che esca come voglio. Ho iniziato a leggere John Cassavetes: per vedere se mi illumina perché sono molto interessata al suo modo di intendere e fare film.

La famiglia – conflittuale – è al centro di La hija de un ladrón.
La famiglia è un posto molto stimolante: quando provo ad analizzare le relazioni tra i membri di una di esse, mi sembrano molto affascinanti. Volevo parlare della tossicità in un legame familiare che è morto, corrotto, ma che i personaggi non sono in grado di recidere, perché il sangue ha molto potere.

Il personaggio centrale del suo film, Sara (incarnata da Greta Fernández), vive in un appartamento condiviso, dei servizi sociali. Com'è stato l'approccio a quella realtà?
C’è stato un processo di documentazione, molto lungo, un po' stressante perché in quel momento non scrivi, chiedi e indaghi soltanto, e ti dà la sensazione che il film non avanzi, ma in realtà lo sta facendo a un altro livello. Abbiamo incontrato ragazze che erano state in circostanze simili a quella che abbiamo mostrato, e avevano un bambino: avevano tutte circa vent’anni. Da qui l'idea di dare a Sara un figlio e di far apparire la figura del padre del bambino.

Come sono state le riprese e la squadra?
Cercavamo di essere pochi sul set, dove ci sono sempre molte persone; ma abbiamo progettato un modo intuitivo di lavorare: gli attori arrivavano, erano vestiti ma non truccati, e i bambini non seguivano queste procedure, bensì entravano direttamente sul set, in modo che stessero in un registro naturalistico senza pensare che stavano facendo un film. Con la direttrice della fotografia (Neus Ollé-Soronellas) avevamo esaminato riferimenti stimolanti e cercato di rendere agili le riprese, in modo da poterci spostare molto durante il giorno, perché il film ha molte location. E, soprattutto, dovevamo sempre dare la priorità agli attori. Sono state in totale sei settimane di riprese, e ho lavorato con lo stesso team tecnico dei miei cortometraggi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche