email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TORONTO 2019 Discovery

Minos Nikolakakis • Regista di Entwined

"Ciò che crei nella tua mente è sempre più efficace di ciò che accade nella realtà"

di 

- Abbiamo parlato con il regista e sceneggiatore greco Minos Nikolakakis, il cui lungometraggio d'esordio, Entwined, è stato presentato in anteprima mondiale nella sezione Discovery di Toronto

Minos Nikolakakis  • Regista di Entwined

Ci siamo seduti con lo sceneggiatore e regista greco Minos Nikolakakis per parlare del suo film d’esordio, Entwined [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Minos Nikolakakis
scheda film
]
, presentato in anteprima mondiale nella sezione Discovery di Toronto.

Cineuropa: Come le è venuta in mente questa storia?
Minosse Nikolakakis:
L'idea alla base del film mi è venuta in mente mentre vivevo in un villaggio isolato di Creta. In tali luoghi, i miti e il comportamento quotidiano degli abitanti nei confronti delle superstizioni e del soprannaturale hanno un certo peso! Tutto ciò è rimasto saldamente scolpito nella mia memoria e nel mio lavoro.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Inoltre, alcune storie che mi sono state raccontate da mia nonna erano lontane dalle solite favole della buonanotte; era l'eredità dei suoi antenati, che erano "popolo della terra", e questa era la loro percezione del mondo che li circondava. Crescendo, le mie influenze variavano dalla tradizione gotica vittoriana e dall'opera di Edgar Allan Poe alle fiabe dei fratelli Grimm e Charles Perrault, ma anche alle favole spirituali di Lafcadio Hearn. Nonostante le loro diverse origini, sembrava esserci una sorta di comunanza tematica. In combinazione con il mio amore per film come Kwaidan di Kobayashi e Valerie and Her Week of Wonders di Jireš, la mia intenzione era quella di realizzare un film infuso di folklore e miti, ma con un'atmosfera locale. La leggenda della driade sembrava la base ideale per questo.

Che cosa c’è, nel folklore e nei miti che lei esplora, di attuale oggi, e come ha deciso quali elementi mostrare in maniera chiara e quali lasciare allo spettatore da decifrare o mettere in discussione?
Dietro ogni mito folcloristico c’è una storia umana, un tipo di comportamento umano. Nel nostro caso, era la natura complicata dell’evoluzione del rapporto tra i nostri due personaggi principali. Sono opposti polari (un medico di città e una ragazza che ha sempre vissuto in una foresta), due mondi diversi che non riconoscono l'esistenza reciproca. E li abbiamo fatti innamorare l'un l'altro. Questo è praticamente ciò che accade in ogni relazione; riteniamo che la nostra visione del mondo sia quella giusta e ci scontriamo con altri che hanno opinioni diverse. Nella nostra storia, abbiamo cercato di comunicare il fatto che non esiste il bianco o il nero: le cose sono più complicate e "intrecciate".

Le basi soprannaturali ci hanno aiutato ad arricchire questa relazione e lo scontro tra gli opposti in un modo più stravagante e simbolico. Ci sono molti elementi che non abbiamo definito in questa relazione; la presentiamo e, in questo contesto di contraddizioni, lasciamo al pubblico la possibilità di scegliere per quale opinione fare il tifo e da che parte stare.

Come ha sviluppato gli aspetti visivi e sonori del film? La foresta è molto presente da entrambi i punti di vista, quasi come un personaggio a sé.
È uno dei nostri personaggi principali perché è un ambiente che funziona come catalizzatore, incoraggiando i nostri personaggi a cambiare. Li attraversa davvero. Non è affatto una foresta normale; è un luogo incantevole che ha la capacità di essere sia affascinante che minaccioso, e coincide con l'umore della protagonista femminile.

Fin dall'inizio, era ovvio che non volevamo modellare la foresta usando effetti visivi, poiché avrebbe spostato l'attenzione del pubblico su qualcosa che sembrava impressionante ma che era a miglia di distanza dalla storia realistica che stavamo cercando. Ma le foreste sono alcune delle location magiche più realistiche che puoi avere. Abbiamo mantenuto gli elementi che avevano quest'aura – una brezza leggera, un tramonto, pulviscoli di polvere che fluttuano nell’aria – e abbiamo sottinteso tutto ciò che poteva suggerire l'umore della foresta.

In questo modo, abbiamo dato al pubblico la possibilità di creare la propria versione di ciò che stava accadendo, nella propria mente. Immagina di passeggiare nel cuore di un bosco e di sentire improvvisamente un fruscio tra i rami. Ciò che crei nella tua mente è sempre più efficace di ciò che accade nella realtà. E la nostra regola era sempre quella di cercare ciò che fosse correlabile alla nostra esperienza quotidiana, per suggerire il soprannaturale.

Qual è stata la sfida più grande durante la produzione?
Fare un film fantasy in Grecia è sempre una sfida, per definizione. Questo è un film con effetti visivi, protesi complesse, riprese in luoghi immersi nella foresta e una storia intrisa di patrimonio culturale che deve bilanciare perfettamente tutti i suoi ingredienti. La sfida più grande è stata, nonostante gli elementi soprannaturali, tenere il film "radicato" e far sembrare che questa storia appartenga al mondo di tutti i giorni, piuttosto che al mondo fantasy.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy