email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2019 Orizzonti

Valentyn Vasyanovych • Regista di Atlantis

"In Ucraina, devi essere ottimista"

di 

- VENEZIA 2019: Con l'aiuto del produttore Vladimir Yatsenko, che ci ha fatto da interprete, Cineuropa ha parlato con Valentyn Vasyanovych di Atlantis, proclamato Miglior film della sezione Orizzonti

Valentyn Vasyanovych  • Regista di Atlantis

In Atlantis [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Valentyn Vasyanovych
scheda film
]
, proclamato Miglior film di Orizzonti a Venezia, Valentyn Vasyanovych si proietta nel futuro, mostrando l'Ucraina orientale nel 2025. È un anno dopo la guerra, e il paese è distrutto e irriconoscibile, con un ex soldato, Sergiy, ancora affetto da PTSD, che cerca di dare un senso allo sterile mondo intorno a lui. E forse anche trovare l'amore lungo la strada.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
Cineuropa Survey 2020

Cineuropa: In Atlantis, voleva mostrare la guerra come un disastro ecologico, non solo un conflitto armato. Come ha fatto a creare questo mondo desertico?
Valentyn Vasyanovych:
Mi piace mettere i miei personaggi in luoghi insoliti. Il Donbass si è adattato perfettamente perché ho trascorso molto tempo lì, e ora, è davvero come la Zona in Stalker [di Andrei Tarkovsky]. Direi che ci sono diversi livelli in questa storia, ma questo disastro ecologico è qualcosa che stiamo già vivendo. È come Chernobyl, diciamo. Il problema è che cose del genere non accadono dall'oggi al domani. Ecco perché le persone all'inizio non vi prestano molta attenzione.

È una regione rurale e non sono rimaste molte fonti d'acqua. Ci sono molte miniere abbandonate in tutto questo territorio, già chiuse da molti anni, e devono ancora pompare l'acqua, altrimenti la terra assorbe tutto il veleno. Ci vorranno ancora alcuni anni prima di perdere tutte le fonti d'acqua in quella regione, ma con ogni probabilità diventerà un deserto, una palude salata, proprio come nel film. Nessuno sa se possiamo ancora fermarlo o se è già troppo tardi. Volevo mostrare il mondo una volta che le cose sono fatte. In Atlantis, le truppe russe sono già partite, ma non possiamo più usare questa terra. È un pensiero oscuro: la gente muore per qualcosa che è letteralmente diventato una palude.

Dire che un regista "ha trovato la luce nell'oscurità" è diventato uno dei peggiori cliché della critica cinematografica. Ma è esattamente quello che succede! Perché è stato importante lasciare un po' di speranza alla fine?
Sono un ottimista – in Ucraina, devi esserlo. Prima di tutto, perché dico che nel 2025 la guerra sarà già finita. All'inizio ero molto serio quando mi sono avvicinato a questa storia. Ma poi ho girato circa il 70% del film e mi sono reso conto che non funzionava. Così ho riscritto alcune scene, ho visitato di nuovo il Donbass e ho aggiunto questa storia d'amore [tra una coppia interpretata da Andriy Rymaruk e Liudmyla Bileka], e poi ha iniziato ad avere un senso. Per come lavoro, non mi attengo troppo alla sceneggiatura. Preferisco assorbire le situazioni. So cosa sto cercando di ottenere, certo, ma di solito lascio un po’ di spazio perché avvengano i miracoli.

Quando dissotterrano cadaveri mummificati nel film, dicono che "stanno tornando per coloro che si sono lasciati alle spalle". Questo concetto si basa su una vera iniziativa, vero?
Sì, è una vera organizzazione. [L’attrice] Liudmyla Bileka, quando ha iniziato a lavorare sul suo personaggio, ha parlato con la ragazza che lavorava per la missione Black Tulip [un'organizzazione umanitaria alla ricerca dei corpi delle persone scomparse]. Volevo avere queste scene per sottolineare che a questo punto la guerra è già finita – con entrambe le parti del conflitto già sprofondate nel terreno. E quando finisce, in realtà ci vogliono molti, molti anni per sistemare le cose e ripulire tutto il casino. Ad oggi abbiamo già perso migliaia di persone, e con le truppe ucraine, tutti questi volontari, nessuno li conta davvero – semplicemente scompaiono, un giorno.

È stato interessante per lei parlare di questi eventi in modo meno diretto? Ha citato Stalker, e sì, anche Atlantis ha un aspetto quasi fantascientifico. Ma dopo la mia recente visita a Odessa, mi sembra che i cineasti ucraini in generale siano finalmente pronti ad affrontare la guerra.
In Atlantis, non avevo bisogno di mostrare l'intero quadro: i dettagli erano molto più importanti. Volevo andare oltre i semplici fatti e spostare l'intera trama nel futuro mi ha permesso di riflettere su ciò che sta accadendo. È stato un esercizio psicologico per il mio cervello. È vero che solo ora stiamo iniziando a parlare di questi eventi come cineasti, ma la maggior parte della società preferisce ancora ignorarlo. Sai com'è: quando affronti qualcosa di spaventoso, continui a dirti che non esiste. Ma non funziona così: in questo modo, eviti semplicemente la situazione, che alla fine può solo peggiorare.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche