email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SARAJEVO 2019 Concorso

Cătălin Mitulescu • Regista di Heidi

"In ogni storia, l'età ha un peso"

di 

- Abbiamo parlato dell'amore che è come il tango e delle relazioni sbilanciate con il regista rumeno Cătălin Mitulescu, il cui ultimo film, Heidi, è in concorso a Sarajevo

Cătălin Mitulescu  • Regista di Heidi

Dopo Loverboy [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e By the Rails [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Cătălin Mitulescu
scheda film
]
, il regista rumeno Cătălin Mitulescu esplora una nuova difficile relazione in Heidi [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Cătălin Mitulescu
scheda film
]
, uno dei due thriller rumeni con un protagonista maschile ultra 60enne selezionato nella competizione ufficiale del Sarajevo Film Festival di quest'anno. Ecco cosa ha da dire il regista sull'età, l'amore e le dinamiche di una relazione complessa.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come ha iniziato a sviluppare questo film su un poliziotto in procinto di andare in pensione?
Cătălin Mitulescu: Mentre sviluppavo Loverboy [nel 2010], ho lavorato con un poliziotto che mi ha davvero ispirato. Il suo lavoro lo aveva spesso messo in situazioni in cui gli sarebbe stato impossibile non essere coinvolto emotivamente. Per un uomo più anziano, una relazione con una ragazza molto giovane comporta rischi per entrambi: anche se sembra controllare la relazione, è anche vulnerabile. Può scegliere il percorso rettilineo e stretto, come ha fatto nel 99% dei casi, ma c'è quell'1% di volte in cui attraversa la linea. Se nessuno lo cattura, può continuare a camminare dritto come qualsiasi altro uomo.

Ci sono così pochi film rumeni con un protagonista sulla sessantina...
Bene, il mio è sulla sessantina. Cerca di aiutare la ragazza e si comporta quasi come un padre per lei. La storia segue questa dinamica per un po', ma come ho detto, l'equilibrio è estremamente fragile. I sentimenti sono misti. Ero interessato a questo cambiamento, e Gheorghe Visu sa perfettamente come veicolare e portare questo peso. In ogni storia, l'età ha un peso, e qui accresce il dramma della relazione, ma aumenta anche la sua bellezza. Per un uomo di questa età, la relazione è più intensa perché vive solo nel presente.

Il fatto che i suoi ultimi film si concentrino su storie d'amore molto sbilanciate sembra indicare che, secondo lei, l'amore sia impossibile. Cosa ha da dire al riguardo?
Non credo che l'amore esista solo in relazioni armoniose. Camminare mano nella mano di fronte al tramonto è meraviglioso, ma sono più interessato a esplorare l'amore nelle relazioni dinamiche. Un tango è una lotta, e penso che questa lotta si incontri più spesso nella vita. Forse sono interessato solo a questo aspetto dell'amore, e con ciò non intendo l'amore fisico.

Qual è la sua opinione sul suo protagonista? Lo considera un eroe, un cattivo o un antieroe?
Cerco di capirlo. Ha suscitato molte emozioni in me mentre scrivevo la sceneggiatura. Il mio lavoro con [il co-sceneggiatore] Radu Aldulescu è stato straordinario; è uno scrittore meraviglioso. Mi ha aiutato a capirlo meglio, e Gheorghe Visu è riuscito a creare un personaggio molto potente. Penso di essermi avvicinato a questo personaggio e mi sono sforzato di non giudicarlo.

Heidi potrebbe avere un grande richiamo sul pubblico rumeno, poiché la storia ricorda un caso di omicidio che ha infiammato il paese poche settimane fa. Cosa vorrebbe che il pubblico sapesse prima di guardare il suo film?
Le persone sono strane creature in grado di compiere azioni inimmaginabili. Cerco di capire, poiché non so tutto, e forse non sono nemmeno in grado di capire tutto. Posso solo pensare a quello che è successo e provare a capire una persona che è un essere umano, come me. Inoltre, se quella ragazza non avesse chiamato [i servizi di emergenza], quell'uomo avrebbe continuato con la sua vita, i suoi vicini, le faccende autunnali, le sue visite in chiesa.

Perché ha chiamato il suo film Heidi, se il personaggio del titolo è solo un catalizzatore per il protagonista?
Perché Heidi cambia la sua vita, esattamente come la ragazza cambia la vita del nonno [nel libro di Johanna Spyri]. Heidi è molto generosa; è una vera combattente. Cătălina Mihai ha trasmesso questo con una facilità meravigliosa. Lei cambia il suo mondo, e puoi sentirlo in ogni frame.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche