email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2019 Concorso

Ken Loach • Regista di Sorry We Missed You

"Ora il lavoratore si assume tutti i rischi e deve sfruttare se stesso"

di 

- CANNES 2019: Alla conferenza stampa del suo film in corsa per la Palma d'Oro, Sorry We Missed You, il britannico Ken Loach ha spiegato il suo ultimo dramma social-realista

Ken Loach  • Regista di Sorry We Missed You
(© Joss Barratt)

Ken Loach potrebbe diventare il primo regista ad aggiudicarsi la sua terza Palma d'Oro al Festival di Cannes con Sorry We Missed You [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Ken Loach
scheda film
]
. Il film, come Io, Daniel Blake [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, è ambientato a Newcastle e racconta la storia di come i datori di lavoro utilizzino la cosiddetta gig economy per aggirare le leggi sull'occupazione e stabilire obiettivi impossibili per i loro lavoratori. Il film inizia con Ricky, il personaggio principale, che ottiene un lavoro in una società di spedizioni, ma gli viene detto inequivocabilmente che sarà un subappaltatore.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film parla anche dell'effetto devastante che lo stress di lavorare a tutte le ore può portare alle famiglie. È un quadro che si adatta sicuramente all’essenza di Loach: realismo sociale con dramma collegato a questioni sociali estremamente rilevanti. Ora, a 82 anni, sembra che ogni film che Loach fa possa essere il suo ultimo. Ecco cosa ha detto alla conferenza stampa del film a Cannes. 

Il film, come Io, Daniel Blake, si svolge a Newcastle. Che cosa la attrae di questa città?
Ken Loach:
È una piccola città nel nord dell'Inghilterra che ha un carattere molto forte. È separata dal resto del paese in un certo senso e ha una storia di lotta. Ha una storia di estrazione mineraria e di costruzione navale, industrie che si sono estinte e non sono state sostituite. La gente ha davvero lottato, e quindi conosce bene questa storia e quella del mio precedente film Io, Daniel Blake. Le persone che vivono in città sono le più vulnerabili, e hanno una voce distintiva che deriva dal fatto che la maggior parte dei cittadini hanno sopportato anni di lotte. È un microcosmo della Gran Bretagna ed è un posto molto contenuto. Inoltre, quando scendi dal treno e senti le persone parlare, inizi a sorridere. C'è vero calore tra la gente.

Come ha scelto questo tema del lavoro senza contratto?
Lo sceneggiatore Paul Laverty, la produttrice Rebecca O'Brien ed io abbiamo discusso di questa questione del lavoro e di come il concetto di lavoro sia cambiato da quando ero giovane io – e per molti anni dopo. All’epoca, ti veniva detto che se avevi un'abilità e un mestiere, avresti avuto un lavoro per tutta la vita e saresti stato in grado di allevare una famiglia con quel salario. C'è stato un cambiamento nelle condizioni di lavoro, e le persone ora hanno una tale insicurezza con impieghi senza contratto e lavorando tramite agenzie. Poi ci sono persone come Ricky, i lavoratori autonomi: una situazione in cui il lavoratore si assume tutti i rischi e deve sfruttare se stesso. 

Il film comincia con lo schermo nero. Perché?
La ragione della mancanza di immagini all'inizio è che quando lui parla del suo lavoro, volevamo in qualche modo suggerire che è il tipo di lavoro che potrebbe applicarsi a tanti. Molte persone lavorano nel settore dell'edilizia e del lavoro manuale e l'obiettivo era renderlo più generale finché non lo avessimo specificato. Penso che alla fine non ci sia via d'uscita; ha dei debiti, e non c'è soluzione. Il sistema lo ha intrappolato.

Lo stress a cui è sottoposto Ricky gli porta enormi problemi nella sua vita familiare.
Mentre scriveva e faceva ricerche, Paul parlava di come il lavoro sarebbe filtrato nelle sue relazioni familiari e le avrebbe influenzate, e poi ha abbozzato i personaggi principali. Successivamente, abbiamo parlato di nuovo e li abbiamo sviluppati ulteriormente.

Un film potente come questo può risolvere questa situazione in cui ci troviamo?
Penso che siamo solo una voce in un coro. Da Io, Daniel Blake, che era un film sul sostegno che lo Stato dovrebbe dare alla gente, il governo non ha alzato un dito, ed è ancora altrettanto crudele. Il numero di banche alimentari è aumentato del 18% soltanto nell'ultimo anno, e non cambieranno, perché non possono. Devono dimostrare che non essere in grado di lavorare e supportarsi è un crimine.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche