email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ZURIGO 2018

Marcus H. Rosenmüller • Regista

"C'erano così tanti aspetti che potevamo usare per renderlo più grande di un film di calcio"

di 

- Abbiamo parlato con il regista-sceneggiatore tedesco Marcus H. Rosenmüller del suo nuovo dramma, Trautmann, basato sulla vita del famoso portiere del Manchester City

Marcus H. Rosenmüller  • Regista
(© Zurich Film Festival)

Il nuovo film del regista-sceneggiatore tedesco Marcus H. Rosenmüller, Trautmann [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Marcus H. Rosenmüller
scheda film
]
, racconta la storia del portiere del Manchester City Bert Trautmann, che notoriamente giocò la finale della FA Cup del 1956 allo stadio di Wembley con il collo spezzato. Dopo la proiezione del film in Gala Premiere allo Zurich Film Festival, Rosenmüller ha detto a Cineuropa perché Trautmann è più di un film di calcio, e che parla anche di democrazia, amicizia e riconciliazione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Che cosa l’ha portata a fare un film su Bert Trautmann?
Marcus H. Rosenmüller:
Prima di tutto, mi incuriosii quando sentii di questo prigioniero di guerra tedesco durante la Seconda guerra mondiale diventato un tale eroe a Manchester e in Inghilterra. Non avevo mai sentito parlare di lui, e così ho iniziato a informarmi. Ho letto una biografia che mi ha mostrato il produttore Robert Marciniak, e ho detto: "Ok, ci sono molti aspetti qui che possiamo usare per renderlo ancora più grande di un film di calcio; riguarderà la politica, la società e tutte queste cose grandiose".

Ha incontrato Trautmann prima che morisse nel 2013. Com’era?
Trautmann era molto cogente e arguto, ed era eccitato, soprattutto quando si rese conto che non volevamo solo fare un film sul suo collo spezzato, perché tutti gli parlavano del suo collo spezzato. Si rese conto molto rapidamente che volevamo fare un film su altre cose, come il fatto che fosse un simbolo di riconciliazione e che fu il primo tedesco in Inghilterra a cambiare il modo in cui gli inglesi guardavano i tedeschi, perché improvvisamente divenne il loro compagno. Era molto aperto e ci parlò delle sue paure, come quella storia di quando era di stanza in Ucraina: vide sparare alla gente, e non fu in grado e non ebbe il coraggio di dire nulla per fermarlo, perché aveva paura di essere ucciso lui stesso. Mi parlò di questo dilemma che ancora lo perseguitava.

Cosa c'era nel suo personaggio che lo rendeva così?
Lo ha anche aiutato il fatto che provenisse dalla classe operaia, dato che era allo stesso livello delle persone che incontrava. Era un calciatore e sapeva che bisognava giocare in squadra, e la cosa davvero sorprendente per noi è stata che aveva 82 anni quando ci siamo incontrati ed era ancora così forte. Siamo rimasti molto sorpresi quando è morto: ero sicuro che avrebbe vissuto fino a 100 anni perché era ancora così pieno di vita. Aveva una fondazione e faceva discorsi per raccontare questa storia perché si era reso conto che aiutava le persone. 

È morto alcuni anni fa e ci è voluto molto tempo per realizzare il film.
Sì; da un lato, è stata la mia lentezza a lavorare sulla bozza, e poi c'era anche il finanziamento. Sono conosciuto in una regione della Germania, nel sud, in Baviera, e senza grandi nomi nel nostro team, dovevamo davvero convincere gli investitori con la nostra storia – e, passo dopo passo, li abbiamo trovati. Abbiamo anche ricevuto aiuto dal nostro coproduttore Chris Curling, in Inghilterra – era molto importante che chiudesse il finanziamento. Avevamo alcuni partner che ci seguivano da sempre, e anche il nostro attore principale David Kross è rimasto con noi per cinque anni quando continuavamo a dirgli che dovevamo rimandare, dato che non avevamo ancora tutti i soldi, all’anno successivo... Ha sempre detto: "Sono con te e puoi sempre usare il mio nome". Sarebbe stato difficile se avesse abbandonato il progetto.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche