email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2018 New Directors

Hadrian Marcu • Regista

"Una volta che hai gli attori giusti, il modo in cui lavori con loro diventa naturale"

di 

- SAN SEBASTIÁN 2018: Hadrian Marcu debutta come regista di lungometraggio con A Decent Man, un lavoro intelligente, sensibile e sicuro su un uomo rumeno normale ma problematico

Hadrian Marcu  • Regista
(© Lorenzo Pascasio)

Dopo una lunga e intensa carriera come regista di cortometraggi, Hadrian Marcu ha presentato il suo primo lungometraggio, A Decent Man [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hadrian Marcu
scheda film
]
, nella sezione New Directors del San Sebastián Film Festival. Il filmmaker rumeno ha incontrato Cineuropa per discutere i dettagli del suo lavoro preciso, coraggioso e stimolante.

Cineuropa: Lei era a San Sebastián con questo progetto l’anno scorso, in Glocal in Progress, e ora è tornato per presentare il suo primo lungometraggio. Come la fa sentire questo?
Hadrian Marcu:
E’ grandioso! L’anno scorso, Glocal in Progress è stato molto positivo; ci siamo sentiti ben accolti qui, e il festival e la città sono stati fantastici. Tornare qui con il film finito è formidabile, un vero piacere. San Sebastián è un posto dove vedi la gente godersi il festival e i film, quindi è il luogo perfetto per mostrare il tuo lavoro.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Lo script è basato su un romanzo. Quanto è diverso il risultato finale dalla fonte originale?
La sceneggiatura è tratta dal romanzo intitolato Firsc dello scrittore rumeno Petru Cimpoeșu. Ho preso dal romanzo due cose: l’ambiente di lavoro, che penso sia molto importante per la storia e il tono del film; e il triangolo amoroso, che è ugualmente una parte fondamentale. Per me, il più importante di questi elementi era l’ambiente di lavoro, come cambia il modo in cui i lavoratori vivono e si relazionano con le altre persone, i turni notturni, la solitudine… Riguardo al triangolo amoroso, mi piaceva quanto diverse e squilibrate fossero le relazioni. Ma per i dettagli, man mano che lavoravo alla sceneggiatura aggiugevo cose che non c’erano nella storia originale.

Ci sono alcuni elementi nel film che fanno pensare a un certo numero di registi contemporanei rumeni e di altri paesi europei. Ci può dire qualcosa delle sue influenze?
Prima di tutto, sono un cinefilo che ama un certo tipo di cinema – chiamiamolo cinema lento o cinema contemplativo – che non è il genere più commerciale o facile per il pubblico, ma è quello che riesco a fare meglio. Di sicuro deve esserci un’influenza di vari registi, e di vari tipi di cinema che viene realizzato, ma non ho intenzione di seguire uno stile, un movimento o qualcosa del genere. Cerco un modo per raccontare le storie che voglio raccontare, e sono soddisfatto del risultato in questo caso. Capisco che ci possano essere legami potenziali con altri cineasti, e che potrei avere qualcosa in comune con loro, ma credo sia normale. Quando guardi film e ti piacciono e ammiri alcuni registi, questo può influenzare il tuo modo di lavorare.

L’ambiente è molto importante nel film nell’ordine in cui determina il modo in cui i personaggi si comportano. Come ha lavorato per crearlo?
Secondo me, era fondamentale per la storia costruire un contesto chiaro e forte per i personaggi. La mia intenzione non era di fare un film di critica sociale. Certo, c’è una dimensione sociale, ma per me il film è soprattutto una storia di personaggi, e dei loro conflitti personali e privati. Ma nell’ambito di questi conflitti, i diversi luoghi dove le cose capitano sono molto importanti. Mi piace visitare le location prima di girare e fare una sorta di ricerca giornalistica in modo da mettere tutte quelle informazioni nello script e nei personaggi.

In un film di personaggi come questo, il lavoro con gli attori deve essere intenso. Come ha affrontato questo aspetto?
Il lavoro è diverso per ogni attore, ma un aspetto molto importante qui è stato il casting. Una volta che hai gli interpreti giusti, quelli che senti che combaciano con il personaggio, il modo in cui lavori con loro diventa naturale. Conoscere i personaggi e cosa vuoi raccontare di loro rende più facile ottenere quello che cerchi dal cast di attori.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy