email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Daniel Sandu • Regista di One Step Behind the Seraphim

"Siamo a secco. Inspiriamo aerosol ed espiriamo film"

di 

- Il regista esordiente Daniel Sandu spiega a Cineuropa le particolarità del suo film One Step Behind the Seraphim

Daniel Sandu  • Regista di One Step Behind the Seraphim
(© Cornel Lazia)

Con il suo primo film One Step Behind the Seraphim [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Daniel Sandu
scheda film
]
, Daniel Sandu, uno dei più promettenti registi rumeni, introduce il pubblico domestico in uno spazio sconosciuto e quasi misterioso: un seminario teologico ortodosso dove ragazzi adolescenti studiano per diventare sacerdoti. Ecco quello che il regista ha da dire sulle molte sfide del suo dramma di formazione.

Cineuropa: Forse la prima domanda che solleva il suo film è questa: quanto c’è di finzione?
Daniel Sandu: Più dell’80% è realtà e meno del 20% è finzione. Per riuscire a comprimere cinque anni della mia vita in due ore e mezza di sceneggiatura, ho dovuto modificare leggermente l'ordine cronologico di alcuni eventi, alcuni personaggi sono costruiti fondendo due persone reali e ho cambiato i nomi dei personaggi veri. Anche il nome del personaggio principale, Gabriel, è in realtà il mio secondo nome. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Quanto è stato difficile scegliere i momenti più rilevanti?
L'universo ritratto nel film è più che generoso. La sfida più grande che ho affrontato è stata ignorare la mia percezione soggettiva degli eventi e gestirli oggettivamente. Altrimenti, le cose che sono importanti per me avrebbero potuto risultare poco interessanti per il pubblico. Quindi ho selezionato i temi da utilizzare e quelli che potevano essere scartati. La sceneggiatura è stata quella che io chiamo "una sceneggiatura viva", poiché ogni volta che abbandonavo una direzione della storia, un’altra spuntava fuori per occupare lo spazio che si era appena liberato. Ho lavorato allo script anche quando il girato era nella sala di montaggio, molto tempo dopo aver finito le riprese.

Pensa che il suo film aprirà un dibattito sulla corruzione nella Chiesa Ortodossa Rumena?
Non credo veramente nei dibattiti. Trovo che, mentre alcune persone discutono, altre agiscano. Fintanto che la maggior parte dei rumeni guarda alla Chiesa come sollievo spirituale, fintanto che continua ad essere l'istituzione più fidata del paese, finché il settore immobiliare che controlla continua a crescere, le cose non cambieranno e la Chiesa proseguirà con iniziative come la modifica della Costituzione della Romania, uno stato secolare. La Chiesa Ortodossa pianifica a lungo termine, molto più a lungo di una vita, ed è poco interessata alla situazione dei comuni mortali di oggi. Nonostante tutto ciò, il mio film non vuole puntare il dito contro la Chiesa. Offre semplicemente un "viaggio" nella catena di montaggio che fabbrica i suoi futuri servitori.

Da regista esordiente, qual è il più grande problema dell’industria cinematografica rumena?
Trovo vergognoso che Bucarest non disponga nemmeno di un cinema d’essai in cui si possa proiettare un film a qualità tecnica eccellente. Non c’è. Punto. E cosa posso dire di più sul sostegno finanziario dopo tutto ciò che è stato detto dalle figure più importanti del cinema rumeno? Siamo a secco. Inspiriamo aerosol ed espiriamo film. 

Sta già lavorando a un nuovo film, The Father Who Moved Mountains. Quali sono le sue sfide?
Al momento, siamo in fase di casting. Sarà più difficile da girare rispetto a One Step. Primo, perché l'azione si svolge in montagna, durante le bufere e le nevi pesanti, e in secondo luogo perché utilizzerò una sceneggiatura completamente diversa da tutto ciò che ho fatto finora. Nel complesso, abbiamo deciso di elevare lo standard dello spettacolo visivo nel cinema rumeno.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche