Gutland (2017)
Panic Attack (2017)
Pororoca (2017)
Zama (2017)
120 battiti al minuto (2017)
In the Fade (2017)
Men Don’t Cry (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PRODUZIONE Germania/Francia/Ucraina/Paesi Bassi/Romania

email print share on facebook share on twitter share on google+

Sergei Loznitsa ha iniziato la produzione di Donbass

di 

- Prodotto da Germania, Francia, Ucraina, Paesi Bassi e Romania, il nuovo film del regista sarà venduto da Pyramide

Sergei Loznitsa ha iniziato la produzione di Donbass
Il regista Sergei Loznitsa (© M. Petit/FDC)

Sergei Loznitsa ha iniziato la produzione diel suo 4° lungometraggio di finzione cinematografica: Donbass. In concorso a Cannes con le sue tre precedenti opere di finzione (My Joy [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
nel 2010, In the Fog [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
nel 2012 e A Gentle Creature [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Sergei Loznitsa
scheda film
]
nel 2017), il cineasta venuto dal documentario, un ambito che non ha mai abbandonato (Maidan [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
in proiezione speciale a Cannes nel 2014, The Event [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e Austerlitz [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
fuori concorso a Venezia nel 2015 e 2016), mischierà nel suo nuovo film attori professionisti e non.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Scritta dal regista, la sceneggiatura è così riassunta: quando chiamiamo "pace" la guerra, quando la propaganda viene presentata come la verità, quando chiamiamo "amore" l'odio, è lì che la vita stessa comincia ad assomigliare alla morte. Il Donbass sopravvive. Manuale pratico dell'inferno.

Nella sua dichiarazione di intenti, il regista descrive il soggetto del suo film collegandosi a un passaggio del racconto Pain di Varlam Chalamov: "una frase banale dice che la storia si ripete due volte, la prima come tragedia, la seconda come farsa. No. C'è un terzo riflesso degli stessi eventi, dello stesso soggetto, il riflesso di uno specchio deformante del mondo sotterraneo. Questo soggetto è incredibile e pertanto reale, esiste davvero e vive accanto a noi". Per Sergei Loznitsa, "è possibile comprendere e concepire ciò che la natura umana è nei momenti storici in cui si assiste al crollo di una società. Quando le leggi regolarmente votate cessano di essere efficaci, quando la terra crolla sotto i piedi e non si può più fare affidamento sulle stampelle delle istituzioni sociali e le norme della società, ma solo sulla forza dello spirito che è più o meno dato all'essere umano in modo che abbia la forza di opporsi al caos. È durante questi momenti storici che l'uomo si definisce qui e ora, e per molti anni. Queste situazioni sorgono durante i periodi di instabilità totale che si accompagnano alle guerre".

Prodotto dai tedeschi di Majade (Heino Deckert) con i francesi di JBA Production (Marianne Dumoulin e Jacques Bidou), gli ucraini di Art House Traffic (Denys Ivanov), gli olandesi di Graniet Film e Wild at Art, e i rumeni di Digital Cube, Donbass beneficia del sostegno di Eurimages e dell’Aiuto ai cinema del mondo del CNC. Le riprese dureranno 45 giorni con il rumeno Oleg Mutu alla direzione della fotografia. La distribuzione in Francia e le vendite internazionali saranno guidate da Pyramide.

(Tradotto dal francese)

IDW Supsi
Structural Constellations
CNC_ACM_Distribution_2017
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss