email print share on facebook share on twitter share on google+

CANNES 2018 Selezione Ufficiale / Un Certain Regard

Un Certain Regard punta sui giovani talenti

di 

- Una forte presenza europea, sei opere prime e i film di Valeria Golino, Ulrich Köhler, Bi Gan e Ali Abbasi per la selezione cannense

Un Certain Regard punta sui giovani talenti
Girl di Lukas Dhont

Annunciata oggi a Parigi, come il resto della Selezione ufficiale (leggi l'articolo) del 71° Festival di Cannes (dall’8 al 19 maggio), il programma Un Certain Regard conta 15 lungometraggi, un totale che dovrebbe crescere leggermente nei prossimi giorni. E il tono è lo stesso della competizione ufficiale con un grande ricambio generazionale (una tendenza che potrebbe essere anche frutto del rifiuto di un passaggio al Certain Regard da parte dei grandi nomi non ammessi alla corsa alla Palma d’Oro e che preferiscono tentare la loro fortuna in altri festival a venire).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tra i film selezionati figurano tre opere prime francesi con Gueule d’ange [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Vanessa Filho, Les Chatouilles [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del duo Andréa Bescond - Eric Metayer e Sofia [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Meryem Benm'Barek
scheda film
]
 della franco-marocchina Meyem Benm’Barek. E’ in corsa anche il connazionale Antoine Desrosières con A genoux les gars [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Antoine Desrosières
scheda film
]
.

Come previsto, il belga Lukas Dhont sarà della partita col suo primo lungometraggio, Girl [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lukas Dhont
scheda film
]
(di cui si parla fin dalla sua presentazione a dicembre al work-in-progress del festival del cinema europeo di Les Arcs).

Con Euforia [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, suo secondo lungometraggio da regista, l’italiana Valeria Golino tornerà al Certain Regard dove aveva presentato nel 2013 il suo primo lavoro dietro la macchina da presa (Miele [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Valeria Golino
intervista: Valeria Golino
scheda film
]
).

L’Europa sarà in vetrina anche con Border [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ali Abbasi
scheda film
]
del danese di origine iraniana Ali Abbasi (ammirato al Panorama della Berlinale 2016 col suo primo lungometraggio, Shelley [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e il cui nuovo film è prodotto in delegato dalla Svezia), con In My Room [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ulrich Köhler
scheda film
]
del tedesco Ulrich Köhler (incoronato miglior regista nel 2011 a Berlino con La Maladie du sommeil [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ulrich Kohler
scheda film
]
) e con My Favourite Fabric [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
della siriana Gaya Jiji (un’opera prima prodotta dalla Francia con la Germania e la Turchia).

Da notare anche la presenza a tutto tondo della produzione europea con The Harvesters [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Etienne Kallos
scheda film
]
 del sudafricano Etienne Kallos (primo lungometraggio che associa Francia, Grecia, Polonia e Sudafrica), con la coproduzione argentino-spagnola El ángel [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Luis Ortega, con il titolo franco-cinese Long Day’s Journey Into Night [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Bi Gan, con Rafiki [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Wanuri Kahiu
scheda film
]
della keniana Wanuri Kahiu (un film che associa Sudafrica, Kenya, Francia, Paesi Bassi, Germania e Norvegia) e con The Gentle Indifference of the World [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Adilkhan Yerzhanov
scheda film
]
del kazako Adilkhan Yerzhanov (coprodotto dalla Francia).

Un film indiano completa il cartellone attuale del Certain Regard dove brillano in particolare per la loro assenza i cineasti nordamericani.

I film selezionati:

Un Certain Regard

Border [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ali Abbasi
scheda film
]
 - Ali Abbasi (Svezia/Danimarca)
Sofia [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Meryem Benm'Barek
scheda film
]
 - Meryem Benm'Barek (Francia/Qatar)
Les Chatouilles [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 - Andréa Bescond, Eric Métayer (Francia)
Long Day's Journey into Night [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 - Bi Gan (Francia/Cina)
Manto - Nandita Das (India)
À genoux les gars [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Antoine Desrosières
scheda film
]
 - Antoine Desrosières (Francia)
Girl [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lukas Dhont
scheda film
]
 - Lukas Dhont (Belgio/Paesi Bassi)
Gueule d'ange [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 - Vanessa Filho (Francia)
Euforia [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 - Valeria Golino (Italia)
Rafiki [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Wanuri Kahiu
scheda film
]
 - Wanuri Kahiu (Sudafrica/Kenya/Francia/Paesi Bassi/Germania/Norvegia)
My Favourite Fabric [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 - Gaya Jiji (Francia/Germania/Turchia)
The Harvesters [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Etienne Kallos
scheda film
]
 - Etienne Kallos (Francia/Grecia/Polonia/Sudafrica)
In My Room [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ulrich Köhler
scheda film
]
 - Ulrich Köhler (Germania/Italia)
El ángel [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 - Luis Ortega (Argentina/Spagna)
The Gentle Indifference of the World [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Adilkhan Yerzhanov
scheda film
]
 - Adilkhan Yerzhanov (Kazakistan/Francia)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.