email print share on facebook share on twitter share on google+

DIAGONALE 2018

Diagonale prepara un bel buffet di film austriaci

di 

- Il ricco programma della 21a edizione di uno dei più importanti raduni cinematografici austriaci si svolgerà a Graz dal 13 al 18 marzo

Diagonale prepara un bel buffet di film austriaci
Murer - Anatomie eines Prozesses di Christian Frosch

Diagonale, che ogni anno presenta una selezione di film che mirano a mettere in luce le varie forme di espressione artistica del cinema austriaco, coprendo tutti i generi, i formati e le lunghezze, si prepara a lanciare la sua 21a edizione nella città di Graz dal 13 al 18 marzo, sotto la direzione di Sebastian Höglinger e Peter Schernhuber. Tutti i film inclusi nel programma principale, che giacciono "a metà strada tra il misticismo surreale e il realismo intransigente", secondo il festival, avranno la loro prima mondiale o la loro prima proiezione austriaca. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La competizione comprende 103 film selezionati su un totale di 500 titoli ricevuti. Complessivamente, Diagonale mostra 167 film in 142 proiezioni. 81 film in concorso hanno la loro prima a Graz, 47 dei quali anche in prima mondiale. L’apertura è stata affidata a una coproduzione austriaco-lussemburghese, il legal thriller Murer - Anatomie eines Prozesses [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, che sarà proiettato in prima mondiale. Nel film, il regista Christian Frosch ripercorre il caso del famoso politico stiriano e grande allevatore Franz Murer, che dal 1941 al 1943, con il soprannome di "Macellaio di Vilnius", fu uno dei protagonisti chiave dell’uccisione degli ebrei in quella che oggi è la capitale della Lituania.

Altri titoli di alto profilo nel programma dei film di finzione sono i favoriti dei festival Western [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jonas Dornbach
intervista: Valeska Grisebach
intervista: Valeska Grisebach
scheda film
]
di Valeska GrisebachTehran Taboo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ali Soozandeh
scheda film
]
di Ali Soozandeh, Mademoiselle Paradis [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Barbara Albert
scheda film
]
di Barbara Albert, Life Guidance [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ruth Mader
scheda film
]
di Ruth Mader, il premiato a Cannes Happy End [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Michael Haneke
scheda film
]
di Michael Haneke, il film dentro il film Looking for Oum Kulthum [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Shirin Neshat
scheda film
]
di Shirin Neshat, e L’Animale [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Katharina Mückstein, fresco del suo passaggio al Panorama della Berlinale.

La line-up dei documenentari è altrettanto entusiasmante, con The Waldheim Waltz [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ruth Beckermann
scheda film
]
di Ruth Beckermann, che ha vinto il premio del miglior documentario nella sezione Forum quest’anno al Festival di Berlino, Anomalie di Richard Wilhelmer, il titolo della Viennale e del DOK Leipzig dell’anno scorso Gwendolyn [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Ruth Kaaserer,I’m a Bad Guy di Susanne Freund,e Weapon of Choice [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Fritz Ofner ed Eva Hausberger, che indaga il mito e la storia di un oggetto di culto dell'invenzione austriaca e un best-seller negli Stati Uniti: il Glock.

Il leggendario distributore nazionale Filmladen sarà al centro di un focus per il suo 40° anniversario e, nell'ambito di questo, Diagonale farà luce sulla prima fase dell'azienda, nata come un consorzio di quattro personalità dell'industria cinematografica austriaca: i membri fondatori Josef Aichholzer, Ruth Beckermann e Franz Grafl, nonché Michael Stejskal, che si unì al gruppo poco tempo dopo la sua fondazione.

Oltre al ricco programma di proiezioni di film, una serie di workshop, dibattiti, installazioni, mostre, progetti di apprendistato e specialità universitarie costituiscono una parte fondamentale del festival. Diagonale pone l'accento sul dialogo intorno al cinema austriaco – ad esempio, attraverso conversazioni tra regista e pubblico durante i Q&A successivi alle proiezioni.

Infine, il premio Grand Diagonale per la recitazione, per il suo contributo alla cultura cinematografica austriaca, sarà offerto all’86enne Ingrid Burkhard.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.